Una donna si comprende solo quando non la si desidera più perché fino ad allora è stata solo una immagine in uno specchio, di essa vedevamo solo la sua superficie deformata di un inganno, un inganno creato da noi stessi. Vederla adesso, adesso che il nostro inganno si è sciolto, è come vederla per la prima volta. Forse l’amore è questo: vedere una donna, ogni giorno, come se fosse la prima volta, vederla oltre noi stessi, nel proprio habitat naturale, la vita stessa.

Nel pozzo

18 dicembre 2011

Calo i miei pensieri come ami in un pozzo, per issar su un dolore e dargli un nome, chiamarlo come si deve, e dopo averlo detto, sputarlo come se fosse un chiodo. Non riesco a tirarlo su, si è messo di traverso…tra mente, corpo e cuore, forse non è uno, ma tanti e ci passerò molti anni ancora con le mani e i pensieri a frugare in questo pozzo, ma forse cerco solo qualcuno che abbia solo amore e pazienza per cercare con me, ma adesso son solo a scandagliare il fondo con le lacrime che bruciano gli occhi chiusi nel buio. E quanto è difficile dire cos’è quello che sto cercando a chi non s’accorge che lo sto facendo da un pezzo.