De profundis…

7 febbraio 2012

Te lo sto gridando, ma non sentirai mai, anche se te lo dicessi sottovoce, in un orecchio, avvicinandomi con una scusa. Te lo grido in silenzio, con suoni e parole d’altri, da qui da questo spazio che sa solo di vuoti, di assenze, “vivere è vivere in relazione” ma ego vox clamavi ad te in deserto…de profundis clamavi ad te, Helelah*.

*Luminosa, Chiara (Sostantivo)

VENERE: Ishtar –  Tioumoutiri – Phosphoros – La Stella del Mattino – Ayeleth-ha-Shakhar – Cervo del Mattino – Ouaiti – Hesperos – Kochav-ha-‘Erev – La Stella della Sera – Noga – Helel -:
Essendo uno degli oggetti più luminosi nel cielo, il pianeta è conosciuto sin dall’antichità e ha avuto un significativo impatto sulla cultura umana. È descritto dai Babilonesi in svariati documenti in scrittura cuneiforme, come il testo detto La Tavola di Venere di Ammisaduqa. I Babilonesi chiamarono il pianeta Ishtar, la dea della mitologia babilonese (connaturata con la dea Inanna dei Sumeri), personificazione dell’amore ma anche della battaglia. Gli Egizi identificavano Venere con due pianeti diversi, e chiamavano la stella del mattino Tioumoutiri e la stella della sera Ouaiti. Allo stesso modo, i Greci distinguevano tra la stella del mattino Φωσφόρος, o Phosphoros, e la stella della sera Ἓσπερος, o Hesperos; tuttavia, nell’epoca Ellenistica, si comprese che si trattava dello stesso pianeta. Hesperos fu tradotto in Latino come Vespero e Phosphoros come Lucifero (“portatore di luce”), termine poetico in seguito utilizzato per l’angelo caduto allontanato dal cielo. Gli Ebrei chiamavano Venere Noga (“luminoso”), Helel (“chiaro”), Ayeleth-ha-Shakhar (“cervo del mattino”) e Kochav-ha-‘Erev (“stella della sera”). Venere era importante per la civiltà Maya, che sviluppò un calendario religioso basato in parte sui suoi movimenti, e si basava sulle fasi di Venere per valutare il tempo propizio per eventi quali le guerre. Il popolo Maasai definì Venere Kileken, e ha una tradizione orale, incentrata sul pianeta, denominata “Il bambino orfano”. Venere ha un ruolo significativo nelle culture degli australiani aborigeni, come i Yolngu nell’Australia del Nord. Gli Yolngu si radunavano per aspettare la comparsa di Venere, che chiamavano Barnumbirr, e che, secondo la tradizione, permetteva di comunicare con i propri cari morti. Nell’astrologia occidentale, influenzata dalle connotazioni storiche legate alle divinità dell’amore, si ritiene che Venere influenzi questo aspetto della vita umana. Nell’astrologia indiana del Veda, Venere è nota come Shukra, ovvero “chiara, pura” in Sanscrito. Gli antichi astronomi cinesi, Coreani, Giapponesi e Vietnamiti chiamavano il pianeta “la stella d’oro”. Nella spiritualità Lakota, Venere è associata con l’ultima fase della vita e con la saggezza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: