Re-Citarsi o delle Cicliche menzogne senza mentitore.

15 marzo 2012

“Riverbera un silenzio dalle sue parole, risale alla fonte, acqua che lambisce questa solida superficie di giorni.
Non è questa lontananza, quasi abissale, che dà sapore di definitiva perdita, ma è l’istante che separa il desiderio d’essere con lei, dalla presa di coscienza che a nulla servirebbe la sua prossimità. Ormai sono maturati i frutti del distacco, caduti e marciti nella terra. Altri frutti che posso veder crescere oggi, crescono e restano comunque acerbi, frutti che non maturano, come se anelassero a restare nella terra incolta.”

Adesso né frutti né marcescenza…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: