Il frastuono della luce.

1 aprile 2012

Sciocco a voler che risuonino

i tuoi lineamenti nuovamente

in questa luce: fortuita illusione

di riflessi sui vetri

da quella dei giorni offuscati.

Ora dopo ora

più rumorosi fasci

ingombrano netti il vuoto,

in strazio d’occhi e d’orecchi,

nella loro lenta danza

su cui sospesa

è la voce

di una nostalgia silenziosa.

La mente è immersa

in un anelito d’ombra

in sé conchiusa.

Prosciugatosi lo specchio d’acqua

solo il nulla permane

di quella luce.

Oggi, di questa, il frastuono sordo

schiara le passioni,

sopite dall’inganno rimasto

senza respiro, senza parole.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: