Seconda elegia a Duino – (Agli angeli) – Rainer Maria Rilke

29 aprile 2012

 

” Poiché noi sentendo svaniamo; ah, noi

esaliamo fino ad estinguerci; un legno che di ardore

in ardore dà sempre più tenue profumo. Uno dice:

sì, tu mi sei dentro nel sangue, questa stanza, la primavera

è ricolma di te… A che giova, non ci può trattenere,

in lui, intorno a lui dileguiamo. E quanti son belli,

o, chi li può trattenere? Senza posa sorge sembianza

sul viso loro e dispare. Come rugiada dalla tenebra erba

ciò che è nostro svapora da noi, come il calore da una

calda vivanda. O sorriso, ove tendi? O sguardo:

nuova, calda onda che sfugge al cuore-;

ahimè: eppure questo lo siamo. L’universo in cui dilaghiamo,

dissolti, ha forse sapore di noi? Afferrano gli angeli

solo del proprio che da loro promana

o talora, per una svista quasi, vi s’insinua un poco

dell’essere nostro? Siamo forse nei tratti loro

frammisti quanto il vago nei visi

di gravide donne? Non lo notano, nel turbine

del loro ritorno a se stessi. (E come notarlo).

Gli amanti potrebbero, se l’intendessero, nell’aria notturna

dire cose mirabili. Perché su di noi tutto sembra

serbare il segreto. Vedi, gli alberi sono: le case

che noi abitiamo sussistono ancora. Noi soli

come aria che si rinnova trascorriamo su tutte le cose.

E tutto in accordo ci tace, metà per

vergogna forse e metà per speranza indicibile.”

 

(Rainer Maria Rilke)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: