dialogo davanti allo specchio – Ricardo Reis

14 luglio 2012

“…e poi c’era stato quel lungo dialogo davanti allo specchio, albero della conoscenza del bene e del male, non c’è nulla da imparare, basta guardare, quali straordinarie parole dovevano essersi scambiati i loro riflessi, l’udito non ha potuto captarle, soltanto ripetuta l’immagine, ripetuto il movimento delle labbra, eppure, forse nello specchio si era parlata una lingua diversa, forse altre parole erano state dette in quel luogo cristallino, allora altri dovevano essere stati i significati espressi, mentre sembrava che, come ombra, i gesti si ripetessero, altro doveva essere stato il discorso, perduto nell’inaccessibile dimensione, come pure perduto, in fondo, ciò che da questa parte si era detto, appena conservati nel ricordo alcuni frammenti, non uguali, non complementari, non capaci di ricostruire il discorso intero, quello di qua, lo ripetiamo, per questo i sentimenti di ieri non si ripetono nei sentimenti di oggi, sono rimasti per strada, irrecuperabili, frammenti di specchio rotto, la memoria.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: