Tu e il mondo

31 agosto 2013

E’ forse inconsueto quanti miei pensieri si concentrino in un attimo su te, al mattino è sempre di te che parlano al risveglio e poi, quando finalmente mi sarai vicina, mi incanterò a guardarti mentre tu non dirai nulla. E quanto parlerai di te, ti ascolterò e osserverò il mondo che si affanna a girarti intorno come una collana scintillante che al buio si fa opaca mentre tu riluci ancora ancora e ancora nei miei occhi.

Sei…

30 agosto 2013

Sei una straziante beatitudine…

L’Inevitabile

30 agosto 2013

Se mi chiedessero adesso “quante volte sei stato innamorato nella vita?” risponderei “infinite volte!” “sempre” sempre e solo di te. Quello che è accaduto in passato, non conta.

Ogni giorno ti vedo per la prima volta, ogni volta è come se mi innamorassi di te, ogni singolo granello di questo corpo e di quest’anima inizia a pulsare. Mi innamoro sempre di te. Non c’è secondo che io non ti guardi e il mio cuore non dica: “Ti amo”. Anche quando non ci sei. Forse quando non sei qui, è il momento in cui ti amo di più. Aspetto solo di vederti. Solo questo. Forse è pazzo, insensato, ma inevitabile per me. Non posso nulla. Hai vinto. Sei sempre tu a vincere. Anche se la mia ragione protesta, combatte, ogni singola battaglia viene persa miseramente. Chissà chi sarà a vincere la guerra. Forse nessuno dei due, né la ragione, né il cuore. Sarà solo l’Inevitabile a vincere, quello che gli antichi chiamavano Fato e contro cui neanche gli Idei potevano nulla. Tu sei l’Inevitabile, mio Amore.

Una sola rosa,

un’unica parola

un unico pensiero

in un solo

e interminabile battito

di questo cuore.

Anche se non lo volessi,

resterebbe solo

e inevitabilmente tuo:

GRAZIE!

Sei l’unica e la sola donna al mondo

a cui tenda la mia anima.

TI AMO…

sorriso aurorale

30 agosto 2013

Il tuo sorriso è il primo che ho visto. Tutti gli altri ( passati, presenti e futuri del genere umano ) non esistono. L’aurora del mondo nasce con lui ogni volta che sorridi.

Je t’aime, mon doux rêve.

wanderern

27 agosto 2013

cropped-copia-di-parco-bici.jpg

Viaggio bene anche da solo, ma spesso senza una meta perché quella meta sei tu e mi piace restarci all’infinito.

Solo, alla fine…

26 agosto 2013

Per star solo devo dimenticarti, altrimenti è dura. E penso che in questo momento l’unico sogno che vorrei sognare, perché in realtà non è possibile, è star solo con te per un giorno e una notte. Penso che questo sogno rimarrà tale. Ne consegue che ti ho senza averti. E’ inutile, solo ero e solo sono rimasto, alla fine… .

livore

26 agosto 2013

Lontana.

23 agosto 2013

 

Seduto, aspetto, certo

che la luce del giorno

non ha pazienza d’aspettare,

 

dispare col corso implacabile del sole,

mentre aspetto te

come aspetterei per mille secoli,

 

e non so guardarti

mentre dormi o riposi

lievemente come una foglia,

 

con la paura, adesso,

di non riuscire a dimenticarti;

dovrei non essere io,

 

smettere anche solo per un soffio,

il tempo d’un respiro.

 

Dimenticarti, a volte,

è il solo modo per stare con te

 

anche quando non ci sei,

distante solo di uno sguardo.

Il fiore del distacco.

14 agosto 2013

Il pensiero è un ponte sul nulla

se non segue l’agire,

e il desiderio è una strada senza uscita.

Coltiva in te

il fiore del distacco.

Sii libero, uomo.

119

Che pozioni ho bevuto di lacrime di sirene,

distillate da alambicchi sporchi dentro come l’inferno,

somministrando paure alle speranze e speranze alle paure,

sempre perdendo quando mi vedevo vincere!

Che sciagurati errori ha commesso il mio cuore,

quando si è ritenuto come non mai felice!

Come sono schizzati i miei occhi dalle loro sfere

nello sconvolgimento di quella folle febbre!

Oh, beneficio del male! Ora io trovo vero

che il meglio è reso dal male ancor meglio,

e l’amore rovinato, quando è nuovamente costruito,

cresce più bello di prima, più forte, assai più grande.

Così io ritorno avvilito a quel che mi contenta,

e guadagno dal male tre volte quanto ho speso.

141

In fede, io non ti amo con i miei occhi

poiché essi notano in te mille difetti;

ma è il mio cuore ad amare ciò che essi disprezzano

e, a dispetto della vista, si compiace di adorarti.

Né si deliziano i miei orecchi al tono della tua voce,

né il tenero mio tatto è incline a bassi tocchi,

né il gusto né l’olfatto ambiscono all’invito

a un banchetto dei sensi con te sola;

ma né le mie cinque facoltà né i miei cinque sensi

possono dissuadere dal servirti uno sciocco cuore,

che lascia ingovernata la mia sembianza d’uomo

per farmi schiavo e misero vassallo del tuo superbo cuore.

Senonché la mia piaga in tanto conto come mio guadagno

in quanto colei che mi fa peccare m’impartisce la mia pena.

lumine

14 agosto 2013

Nihil permaneat.

πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός Pánta rhêi hōs potamós

Nessuna paura…

10 agosto 2013

 

Nessun paura, tutto quello che importa è amarti. Il futuro e il passato non possono nulla. Lascio che tutto fluisca. Altrimenti questa assurda vita non avrebbe alcun senso. Tutto ciò che accade dentro e fuori di me è nell’essenza stessa di questo viaggio.

Perché non mi domando
dove sorge il sole
e sfiori la terra la sua luce
e quando i suoi raggi
tocchino angoli remoti.
Perché ogni luce
ogni respiro
ogni desiderabile idea
è racchiusa in te
nel dolce rifugio
dei tuoi occhi
quando mi guardano.
L’ombra gelida di una oscura notte
mi strappa al tuo tepore
quando sono assorti e distanti.