Will – Voglia: io non ti amo con i miei occhi.

14 agosto 2013

119

Che pozioni ho bevuto di lacrime di sirene,

distillate da alambicchi sporchi dentro come l’inferno,

somministrando paure alle speranze e speranze alle paure,

sempre perdendo quando mi vedevo vincere!

Che sciagurati errori ha commesso il mio cuore,

quando si è ritenuto come non mai felice!

Come sono schizzati i miei occhi dalle loro sfere

nello sconvolgimento di quella folle febbre!

Oh, beneficio del male! Ora io trovo vero

che il meglio è reso dal male ancor meglio,

e l’amore rovinato, quando è nuovamente costruito,

cresce più bello di prima, più forte, assai più grande.

Così io ritorno avvilito a quel che mi contenta,

e guadagno dal male tre volte quanto ho speso.

141

In fede, io non ti amo con i miei occhi

poiché essi notano in te mille difetti;

ma è il mio cuore ad amare ciò che essi disprezzano

e, a dispetto della vista, si compiace di adorarti.

Né si deliziano i miei orecchi al tono della tua voce,

né il tenero mio tatto è incline a bassi tocchi,

né il gusto né l’olfatto ambiscono all’invito

a un banchetto dei sensi con te sola;

ma né le mie cinque facoltà né i miei cinque sensi

possono dissuadere dal servirti uno sciocco cuore,

che lascia ingovernata la mia sembianza d’uomo

per farmi schiavo e misero vassallo del tuo superbo cuore.

Senonché la mia piaga in tanto conto come mio guadagno

in quanto colei che mi fa peccare m’impartisce la mia pena.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: