Un’unica luce.

11 settembre 2013

Sei qui tra il mattino e le mie parole, sedendo

stretta al sole, chiusa nel tuo bozzolo chiaro

di capelli, gemma inconsapevole di luce.

Mentre siedi, dove sono i tuoi occhi,

lì si accosta quel chiarore che non vedi;

ah, potessi essere loro, sapere ora quale ombra

porti con te, privando la loro luce di sé.

Questa stessa luce, io cerco,

dirige ogni mio sguardo,

ogni pensiero, ogni sogno,

invisibilmente.

In questo mattino di luce e parole

sei tu che inganni il tempo.

Tutti i mattini del mondo

hanno avuto un loro splendore,

sommesso o sfavillante, di luci

visibili agli uomini.

Tutti i mattini del mondo

hanno avuto un sole, teso nell’alto cielo

tra nuvole o vuoto.

Questo, invece, io vedo

nell’unica luce che conosco;

vedo questo mattino,

l’unico al mondo

che brilla di un’unica luce,

vista da un solo uomo.

Non vede altre luci

oggi che questa:

i tuoi occhi, i tuoi occhi

nascosti tra i tuoi capelli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: