Il vuoto in una stanza.

4 febbraio 2014

E adesso che tutto ritorna ad essere com’era, vorrei non immaginare che tu ti sia pentita, forse adesso lo pensi, forse ora che sei ritornata alla tua vita, fuori dalla mia, lo starai pensando. Io, invece, starò pensando, come al solito, a te, a quello che non sei o che vorrei tu fossi, ora che tu sei assente. Ho dormito dopo essere ritornato qui, dove poco fa siamo stati, e mi sembra tutto più vuoto. Prima nulla esisteva, prima nulla aveva importanza, prima l’unica ad essere un mondo, ad avere un nome, eri tu. Adesso, non esiste niente, nessun nome può descrivere questa vacuità. Ciò che rimane di te in questo vuoto, è un bicchiere d’acqua sul quale è rimasta una macchia di rossetto lasciata dalle tue labbra, che adesso sono altrove.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: