Come immerso.

20 luglio 2013

Non posso chiederti

di non esser lontana,

ma posso io

questa terra

abitare come se fossi vento

e soffiare – come un nulla –

sabbie e sale?

 

Soltanto questo vorrei:

 

della tua lontananza

distogliere da me

il groviglio onnipresente,

 

recidere questo corpo, sciogliere

questo sale, dissolvere questo vento,

nella tua acqua, immerso e circondato,

 

e fermare il mio respiro

sulla tua bocca, confuso e cieco,

all’ombra dei tuoi capelli,

dimenticarmi

adesso, in te.

Annunci

9 aprile 2012

Serenata in tua assenza.

12 giugno 2011

Aggrappato alla sospesa traccia

del tuo non sguardo

scongiuro l’abbraccio

che riaddolcisca lo stridio

di pioggia

nell’immota ‘indifferenza

dei tuoi occhi.

Sui sentieri la notte incide

solchi di respiri oscuri,

pensieri battenti di ingiurie

e ricordi

nostalgici steli

sradicati dal tempo.